Ultima modifica: 6 Novembre 2018

Istituto_Inclusione_Integrazione

Progetto Generale d’Istituto

Sintesi Descrittiva

 

  • 1.0 Area Progettuale Inclusione (Intercultura-Integrazione)

1.1

DENOMINAZIONE DEL PROGETTO

 

DIAMANTE

1.2

RESPONSABILI DEL PROGETTO

 

  •               Funzione strumentale AREA 3
  •               Referente Commissione H

1.3

FASI

Progettazione

  1. destinatari

    • tutti gli alunni disabili
    • gli alunni in condizioni di disagio nella relazione, nella comunicazione, nella socializzazione, nel comportamento, nell’ apprendimento.

  1. obiettivi

    • Considerare e accogliere la diversità come risorsa comune al fine di promuovere le peculiarità di ciascun bambino;
    • promuovere il rispetto della diversità riconoscendo la differenza e l’uguaglianza delle opportunità;
    • differenziare l’offerta formativa adeguandola alle esigenze di ciascuno per sviluppare al meglio le singole potenzialità.
    • curare i rapporti con le diverse istituzioni presenti sul territorio (ASL, Comune,Enti Locali,) per eventuale realizzazione di progetti integrati
    • incoraggiare  il massimo dell’autonomia funzionale e sociale
    • favorire il benessere psicologico di tutti i soggetti coinvolti nell’azione educativa (io con gli altri)
    • promuovere il potenziamento delle diverse capacità

  1. vincoli temporali

Il progetto è attivo per tutta la durata dell’anno scolastico

  1. vincoli economici

Quota prevista nella distribuzione dei fondi destinati al piano di diritto allo studio

  1. risorse umane e tecniche

    • tutti i docenti curricolari
    • tutti i docenti di sostegno
    • assistenti-educatori
    • F.S. area 3
    • Referente per la NPI
    • Referente per l’ufficio Assistenza sociale del comune
    • Referente per l’ufficio scuola del comune
    • Referente della comunità religiosa

  1. articolazioni del progetto in fasi

    • Il progetto d’istituto si sviluppa nei progetti di plesso e/o di modulo.

  1. strategie – modalità e tecniche

  • PRIVATE “TYPE=PICT;ALT=*”<![endif]–><![endif]–>organizzazione di laboratori a piccoli gruppi o apertura delle classi per :

  •        dare stimoli più adeguati,
  •        favorire l’uso di più linguaggi,
  •        potenziare le abilità cognitive,
  •        prevenire e/o ridurre i comportamenti problematici.
  •        facilitare la didattica rendendola adeguata alle esigenze individuali,
  •        accrescere l’efficacia del processo insegnamento- apprendimento.
  •        sviluppare le capacità di relazionarsi con gli altri,
  •        favorire l’autonomia personale,
  •        promuovere la creatività,

  • utilizzo graduale e progressivo di metodologie e tecniche integrate per :

  • PRIVATE “TYPE=PICT;ALT=*”<![endif]–><![endif]–>partecipazione a progetti che, a livello di istituto, di  plesso, di classe o di piccolo gruppo, coinvolgono gli alunni in difficoltà ed i loro compagni per:

  1. flessibilità progettuale
  2. Integrazione nei percorsi didattico- curricolari e nei progetti

Verifica         

  1.              monitoraggio e valutazione in itinere

  •          incontri di programmazione con ASL, genitori e docenti per la realizzazione dei diversi piani individualizzati
  •          Ogni team docente elabora al suo interno le modalità di verifica idonee a valutare il raggiungimento degli obiettivi formativi e didattici programmati
  •          relazione Funzione Strumentale
  •          relazioni insegnanti incaricati

  1.           confronto dei risultati raggiunti rispetto agli obiettivi di partenza

  • relazione della funzione strumentale al CD



Link vai su